Crea sito
Questo sito utilizza cookie, soltanto per facilitare la navigazione.  Se vuoi saperne di più sui cookie clicca "info sui cookie"
01_petalorosa_ALF.jpg02_cancellazioni_Mirta.JPG03_mani_Bellini.jpg04_Il_Silenzio_Barreca.jpg05_Solidarieta_Mollo.jpg06_Vita_Palombini.jpg07_Stretta_Calabro.jpg08_nudita'_Santucci.jpg09_privata_Sangermano.jpg10_INRI_Gaggiotti.jpg11_Perche_Sirianni.jpg12_La_Fata_Giacometti.jpg13_Fausta_Ottolini.jpg14_OraX.jpg15_soul18_Ubaldi.jpg16_soleSpento_Maddalena.jpg17_garze_Petrizzi.jpg18_Martire_Piersigilli.jpg19_Anima_Oriolo.jpg20_Abito_Farsetti.jpg21_Silenzio_Febbraro.jpg22_Ritorno_Vita_Rizzo.jpg23_Ultime_Serenari.jpg24_cuore_bucato_Cappelletti.jpg25_mille_bergamini.jpg26_Amore_Niccoli.jpg27_Domani_Seymour.jpg28_la_vagina.jpg29_Finche_Vaccaro.jpg30_nelsacco_Vania.jpg31_Silence_Russo.jpg32_In-silenzio_Fasoli.jpg33_Il-corpo_Vagnoni.jpg34_Tacitum_vivit_Sergi.jpg35_Humanitas_Stefanelli.jpg36_per-mani_Alice_Benedetti.jpg37_Senza_Scampo_NP.jpg38_denuncia_Fabbri.jpg39_Brutalita_Chiaraluce.jpg40_Riscatto_Bertoloni.jpg41-Depasser_DiCosmo.jpg42_InDifesa_Sticca.jpg43_Mereditih_Granata.jpg44_Diritto_vivere_Passaniti.jpg45_Saudade_Sarzi.jpg46_La_Borsa_DeAngelis.jpg47_Nessuna_Masciale.jpg48_Reclusa_Novelli.jpg49_Ombre_Iannini.jpg50_Un_Grido_Cecchetti.jpg51_Maria_Tripoli.jpg52_Ferita_Montosi.jpg55_non_dimenticare_ALF.jpg

il progetto

Adele Lo FeudoSono Adele Lo Feudo, in arte ALF, una pittrice nata a Cosenza che vive a Perugia. 
Ho ideato il progetto: “Un petalo rosa… per non dimenticare” . 
Un giorno, dopo avere letto dell’ennesimo caso di violenza su di una donna: “uccisa, chiusa in un sacco di cellofan e poi buttata nella spazzatura! ” non ne ho potuto più ! Mi sono detta: ogni essere umano dovrebbe fare qualcosa contro questi continui episodi di violenza.
Io ho voluto dire la mia!
D'altronde non avevo mai dimenticato ciò che era accaduto a Roberta Lanzino, mia coetanea cosentina a cui, a soli 19 anni, dei balordi criminali avevano infranto i sogni e sottratto la vita!
E’ partito tutto da un dipinto che, caratterizzato da petali color rosa e grigi, richiedeva l’intervento di donne per farne un lavoro valido … da li l’idea di farne un progetto più ampio con molte artiste. 
Una sorta di catena rosa
 di solidarietà femminile, in cui ogni artista è un anello fondamentale ed io la chiusura|apertura del tutto! 
Un tunnel emotivo/sentimentale da Perugia a Cosenza, un tornare indietro nel tempo per non dimenticare casi come quello di Roberta Lanzino.
Realizzazione a cura di: Antonio Iannice & Eugenio Pecorabianca- agosto 2013